Vai al contenuto

Ricordo di Simonetta

La Fraternità  Secolare delle Suore Dorotee ti ringrazia, Signore, per averci donato Simonetta.

ricordi Simonetta Bon in MunariSimonetta con Stefano aveva emesso le Promesse evangeliche nella Fraternità il 21 novembre 2004. Presagendo che la suadipartita da questo mondo poteva essere imminente, aveva chiesto di poterle emettere in modo definitivo il 25 novembre 2007. Il Signore le ha concesso di offrire definitivamente la sua vita il 21 novembre 2007.

Ti rivediamo Simonetta, mentre attraversavi il giardino di “Casa Sacro Cuore” (VI) per entrare e partecipare agli incontri formativi mensili della Fraternità Secolare. Eri sempre amorevolmente accompagnata dal marito Stefano che ti guardava come per proteggerti, con la tenerezza di chi ti ammirava e ti amava.
Non ti disperdevi in lunghi convenevoli, ma dentro alle parole scarne, che pronunciavi con dolcezza, si coglieva il mistero della tua sofferenza nascosta, ma feconda ed illuminata dalla speranza. La salute precaria non ti impediva di partecipare alla formazione spirituale per conoscere di più il Signore, per avvicinarti al Suo Cuore e deporre in questo sicuro riparo, il tuo e quello dei tuoi cari. Era un silenzioso affidamento anticipato, sigillato dalla fiducia, nell’abbandono della fede, che teneva sempre acceso il sorriso sul tuo volto.
Avevi intuito che la relazione di coppia sarebbe stata ancora più ricca nella condivisione spirituale. Ricordiamo con commozione la tua ultima telefonata, qualche tempo prima che tu partissi per il cielo: era per affidarci Stefano, perché lo aiutassimo a continuare il suo cammino nella Fraternità..  Così ti sentivi amorevolmente certa che la consacrazione laicale come Figlio dei Sacri Cuori avrebbe sostenuto Stefano nel momento della prova e nell’impegno quotidiano di padre per i vostri amati figli.
Simonetta, il ricordo che ci resta nel cuore è strettamente legato non tanto ad una data, quella del 21 novembre 2007, ma ad una festa particolarmente significativa: la festa della Madonna della Salute e della sua Presentazione al Tempio. Di certo la Vergine Maria ti ha preso per mano e ti ha condotto con sé dentro il vero tempio che è il Cuore del suo Figlio Gesù, dove hai potuto offrire a Lui tutta la tua vita e per sempre, come nel tuo cuore avevi già fatto.
La tua comunità cristiana si è accorta con stupore che avevi “una marcia in più” perché la tua vita portava i frutti dell’amore e della passione per il Vangelo della Carità che viveri e annunciavi con umiltà e semplicità. Tu, come la donna saggia della Bibbia, ci hai insegnato a coniugare nella quotidianità l’impegno assiduo per la famiglia con il servizio alla comunità cristiana nella quali ti nascondevi come “lievito” di carità.
Simonetta, seguivi Gesù sulla strada delle beatitudini evangeliche che le Promesse nella Fraternità ti aiutavano a vivere sulla via dei carri come S. Bertilla.
La tua esistenza ora è totalmente trasfigurata in Gesù: continua ad essere per noi luce che orienta, sale che dà sapore, sapienza del cuore per la vita di ogni giorno. Il beato Giovanni Antonio Farina ripete a tutti noi: “La nostra fede no non vacilla, la notte è brevissima… pregate che la fede si avveri presto… tutte e tutti … saremo perpetuamente beati nel gaudio interminabile del Cuore di Gesù” (G.A.Farina, lapide Chiesa dei sacri Cuori – Casa Madre – Vicenza).

 Sr. Michela Sartori e Fraternità Secolare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi